Security Token Offering: il futuro delle criptovalute

Il 2019 sembra destinato a diventare l’anno dei Security Token Offering: ma come funziona questo strumento di investimento?

Quando si parla di Security Token Offering (STO) si intende indicare un’evoluzione delle Initial Coin Offerig (ICO), che molto successo hanno raccolto dal 2017 in poi.

Questo sistema di mercato, molto utilizzato anche dalle società nel crowdfunding, si basa sul token, un “gettone digitale” basato sulla tecnologia blockchain e messo sul mercato a un determinato prezzo, che permette di diventare azionisti della società.

Il successo è stato però caratterizzato anche dal diffondersi di situazioni poco definite, che sono sfociate in vere e proprie truffe: da qui la necessità di regolamentare questo sistema di mercato e la nascita dei Security Token Offering.

Security token Offering: la tutela degli investitori

Si è trattato di un passo importante

Non esiste una definizione univoca di Security Token Offering: questo perché ogni sistema giudiziario individua determinate caratteristiche di questo strumento.

Ma è possibile definire un STO uno strumento che venga approvato dalle autorità di controllo, diventando così uno strumento finanziario negoziabile.

Per quel che riguarda gli investitori, la natura dei Security Token Offering garantisce che siano conformi alla normativa, non che il progetto abbia successo.

Quindi è sempre necessario documentarsi per valutare in modo corretto l’investimento da compiere.

Security Token Offering: le possibilità concrete

In concreto un Security Token Offering può rappresentare:

  • un debito obbligazionario;
  • una quota di una società;
  • un diritto alla partecipazione agli utili e ai dividendi di una società;
  • una proprietà immobiliare.

Si tratta quindi di uno strumento flessibile, che offre diverse possibilità sia agli investitori sia ai soggetti che lo utilizzano.

L’emissione di STO sta portando anche a un mutamento del mercato finanziario: vi sono delle borse già esistenti, come quella di Malta, che si prepara a includere una piattaforma dedicata a questi titoli.

Allo stesso tempo stanno nascendo delle piattaforme dedicate solamente al trading di token di sicurezza e beni tokenizzati.

L’economia delle criptovalute è in crescita e, molto probabilmente, non si fermerà agli STO: i prossimi anni porteranno nuove e interessanti evoluzioni.