Crowd Economy

La Crowd Economy (economia della folla) duplica il suo valore ogni 18 mesi.

E’ una forza inarrestabile che traina le economie mondiali ed offre opportunità infinite.

La Crowd Economy comprende le complessità delle interazioni tra la folla e l’interazione tra le persone, lo scopo, la partecipazione e la produttività. L’economia della folla è l’infrastruttura per creare capitale, ovvero l’economia della folla è un ecosistema dinamico di persone produttive che partecipano attraverso una piattaforma con lo scopo di raggiungere obiettivi reciprocamente vantaggiosi.

La Crowd economy è il risultato della lunga coda della domanda e dell’oceano di opportunità, che guida le economie.

Le forze in gioco della Crowd Economy

La Crowd Economy puo’ essere schematizzata in 5 P, come dice Crowdsourcing Week, rete globale impegnata ad aiutare organizzazioni, innovatori e imprenditori a passare a una società più aperta, connessa e socialmente produttiva, resa possibile da Internet e dagli strumenti online alimentati dalla folla.

crowd economy: CROWDFUNDING, crowd economy: START UP, FORMAZIONE

1. Le persone. La crowd economy è autorevole, inclusiva, dirompente e umana.

I valori incentrati sull’uomo devono essere incorporati in applicazioni orientate alla Crowd Economy. Di conseguenza nell’economia della folla la comunità di persone è il punto di partenza.

La Crowd Economy o l’azione collettiva non riguarda il comportamento di massa ma soluzioni cooperative molto mirate che aiutano le comunità a migliorare la propria vita.

Chiaramente le piattaforme web stanno forgiando queste interconnessioni tra utenti. Questo implica l’abbattimento delle barriere tra creatori, produttori e utenti finali. L’economia della folla da potere alle persone.

2. Il proposito o scopo. La crowd economy crea esperienze significative e valore condiviso.

La Crowd Economy incarna la cultura della creazione di valore condiviso e della responsabilità sociale che si distingue dal tradizionale pensiero unidimensionale e dalle pratiche della vecchia economia.

Pertanto le iniziative guidate dalle persone spesso incarnano una missione più ampia per creare soluzioni che funzionino con tutte le parti interessate.

3. La piattaforma. Le folle hanno bisogno di un mezzo per interagire e produrre risultati.

Questo pilastro dell’economia della folla si è manifestato sotto forma di tecnologia, connettività e reti mobili. Di conseguenza presto Internet of Things contribuirà a questo mezzo, amplificando le interazioni umane con dati potenti.

4. La partecipazione. La co-creazione e la partecipazione sono enfatizzate nell’economia della folla.

Il potere di partecipazione per accelerare l’innovazione si vede meglio attraverso il crowdfunding, che ha permesso alle idee iniziali di prendere forma.

Quando si parla di partecipazione della folla, è difficile non menzionare la LEGO, una società che ha trasformato il suo seguito fanatico in una comunità attiva di design.

5. La produttività. L’economia della folla favorisce processi più veloci, più economici, migliori e più efficienti in termini di risorse.

Le applicazioni della folla digitale per le attività civiche, i soccorsi in caso di calamità e il lavoro umanitario stanno creando un impatto diffuso.

La Crowd Economy è lo strumento per affrontare le sfide critiche di oggi

Concludendo la Crowd Economy è uno dei cambiamenti fondamentali visti a cui si sta assistendo in questo secolo in termini di opportunità che prima non esistevano, di velocità di diffusione,  di poteri decentralizzati. Infatti lo spettro delle possibilità di una vera economia della folla non ha limiti.

Consumo collaborativo, condivisione di economia, crowdfunding, crowdsourcing – qualunque sia il nome una potente economia di massa è il fondamento che sta promuovendo la mente per affrontare le sfide critiche di oggi.