Reward Crowdfunding

Reward crowdfunding: il crowdfunding basato sulle ricompense

Il reward crowdfunding avviene quando le persone che effettuano una donazione per un progetto ricevono in cambio una ricompensa. Il reward puo’ essere materiale (per esempio, il pre-ordine del prodotto non ancora sul mercato) o più intangibile (per es. un ringraziamento sul sito web).

Questo modello di crowdfunding è un ottimo strumento per chi ha un’idea, un prodotto o un progetto da realizzare o lanciare sul mercato. Puo’ essere la soluzione non solo per ottenere fondi immediati.  Pertanto attraverso il reward crowdfunding si puo’ avere un riscontro di mercato, convalidare la tua idee, testare il tuo prodotto, lanciare un marchio, trovare clienti e nuovi investitori.

Le ricompense nel reward crowdfunding

Per quanto riguarda i benefit o ricompense, dovranno essere studiati ad hoc per ogni progetto.

Dovranno essere attinenti al progetto, dovranno dare un valore aggiunto ai crowdfunders, dovranno essere chiari e garantiti in assoluta trasparenza.

In un progetto di puro crowdfunding è essenziale che se si ha come obiettivo la realizzazione di un prodotto o di un servizio questo stesso o la sua erogazione possa essere annoverato tra le ricompense.

In un progetto di crowdfunding civico la ricompensa potrà essere immateriale o meramente simbolico. Pertanto più vicina alla sfera emotiva e partecipativa. Ad esempio una targa con i nomi dei benefattori nel luogo pubblico oggetto del progetto. Oppure  potrà essere apiù concreta come l’ingresso gratuito alla mostra nel qualcaso il progetto fosse riferito ad un ipotetico museo.

Sicuramente un pizzico di fantasia unito ad una buona comprensione del tema, area di applicazione e tipologia di benefattori a cui il progetto si rivolge potrà aiutare ad identificare le ricompense più opportune.

Un’evoluzione del modello reward based è  il “royalty based crowdfunding”, che si verifica quando il creatore di una campagna offre una parte dei proventi di un determinato progetto, senza offrire un’azione nella società.

Reward crowdfunding: all or nothing e take it all

Il modello reward based può essere ulteriormente diviso in due sottogruppi principali: il modello “All or nothing”, e il modello “Take it all”.

Nel primo  le transizioni sono convalidate solo se viene raggiunto il 100% del budget del progetto.

Nel secondo le transazioni si realizzano anche quando il budget del progetto non si raggiunge nell’interezza.

La somma target deve essere raggiunta entro un periodo di tempo prefissato prima che venga effettuata alcuna transazione finanziaria. Se il target non viene raggiunto, nel All or nothing il finanziamento si considera fallito, le transazioni non avverranno e il denaro resterà o verrà ritrasferito immediatamente sul conto dei donatori. In alcuni modelli, le somme versate vengono trasferite in un altro conto che è gestito dalla piattaforma e possono essere riallocate su un altro progetto. Un noto esempio di questo modello è il celebre Kickstarter.

Nel modello Take-it-all il finanziamento giunge al progetto a prescindere se esso raggiunga o meno il proprio target entro la scadenza prefissata. Un noto esempio di questo modello è Indigo.

E’ interessante anche osservare modelli alternativi, come quello creato dalla piattaforma americana RocketHub, detto “All And More” (tutto o di più). RocketHub è un sito di crowdfunding per progetti creativi. Funziona come un normale modello “prendi tutto” anche se il target non viene raggiunto, ma se si raggiunge o eccede il proprio target il progetto è esentato dal pagamento di parte delle tariffe (es. la tariffa di iscrizione alla piattaforma, la percentuale dovuta alla piattaforma sul finanziamento raccolto, etc).